Pasticcio di tarassaco

Domenica ho approfittato del sole per andare a camminare in campagna, e sono tornata a casa carica di erbette spontanee e buonissime. Con il tarassaco, che qui in puglia chiamiamo sivone, mi sono cimentata in questo esperimento. Il tarassaco è un vero toccasana: le sue foglie sono molto nutrienti, contengono beta-carotene in quantità maggiore che nelle carote e contengono più ferro degli spinaci. Il tarassaco contiene anche quasi tutte le vitamine del gruppo B (esattamente: B1, B2, B5, B6, B12), vitamine C, E, P e D,  potassio, fosforo, magnesio e zinco. La radice contiene inulina, uno zucchero composto da lunghe catene di fruttosio ottimo per favorire la digestione e ridurre i fenomeni di meteorismo. Il tarassaco  è una pianta diuretica.

Ingredienti:

200 gr grano saraceno
500 gr circa sivoni cotti
5 C olio evo
5 C farina di ceci
500 ml brodo vegetale
noce moscata
erbette fresche
1 cipolla
1 pugno di pomodori secchi tagliati sottili e conditi con olio

Procedimento:

Cuocere il grano saraceno e preparare la bechamel, che per l’occasione ho provato  con una nuova versione, ovvero usando la farina di ceci. Oliare una pirofila e inserire il grano saraceno condito con  la cipolla e le erbette del mio balcone (timo, prezzemolo, menta), aggiungere i sivoni e coprire con la bechamel. Quindi infornare per 10 minuti in modo che si gratini un po’ la superficie. Una volta sporzionate le mattonelle, condire con i pomodori secchi.

Commenta usando Facebook

commenti al momento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *