Tagliatelle alla carruba con pesto di prezzemolo

Voi le utilizzate le carrube? La loro polpa ha un sapore dolciastro che ricorda quello del cioccolato. A differenza di quest’ultimo è meno calorica e più ricca in fibre, vitamine come la riboflavina e minerali come calcio, potassio, rame e manganese. L’assenza di sostanze psicoattive, come la caffeina e la teobromina, rende le carrube il sostituto ideale del cioccolato per chi soffre di allergie o ipersensibilità verso tali sostanze. L’alto contenuto di fibre la rende un alimento particolarmente saziante, capace di coniugare sapore e benessere.
Questa meravigliosa pasta aromatizzata alla carruba è una specialità delle amiche di Perniola, noi la adoriamo e ci divertiamo a trovare nuovi accostamenti di sapore e colore per renderla ancora più irresistibile.

pes

Ingredienti per 3 persone:

250 gr tagliatelle
15 gherigli di noci
1 mazzo di prezzemolo
1 C olio evo
1 C tamari

Procedimento:

Portare a bollore una pentola colma di acqua, aspettare che bolla, quindi salare. Lavare accuratamente il prezzemolo, sminuzzarlo e porlo in un mixer insieme ai gherigli di noci, l’olio e il tamari. Procedere con la cottura della pasta e, se necessario, aggiungere nel pesto un poco di acqua di cottura per amalgamarlo meglio. Potete aggiungere, se vi piace, mezzo spicchio d’aglio al pesto, ma non abbondate per non coprire il sapore della tagliatella.
Scolate la pasta al dente, amalgamatela al pesto e servite.

Sapevate che il  termine prezzemolo deriva dal greco petrosélinon: pétra, pietra e sélinon sedano, propriamente sedano che cresce sulle pietre.
Il prezzemolo crudo ha un’ottima azione diuretica, regola gli zuccheri del sangue, contiene alte concentrazioni di apigenina, un flavonoide dalle proprietà antitumorali, ottimo anche come antinfiammatorio e antiossidante; protegge le pareti dei vasi ed è ricco di vitamine A, B, C e Beta carotene. Siatene consapevoli e consumatelo quando potete, magari coltivandolo da voi in vaso.

prez

 

Commenta usando Facebook

commenti al momento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *