Pasta e patate senza pasta

Uno dei pochi motivi per cui riesco ad apprezzare l’inverno, è l’idea della pasta con le patate che la mia mamma prepara nei giorni freddissimi. Per quanto continui a nuotare in questi giorni d’autunno, stasera avevo il frigo semi vuoto ad eccezione degli ultimi pomodori superstiti provenienti da san vito dei normanni, e delle patate dolci, note anche come batate. Ho pensato di improntare una cena sui ricordi ma eliminando la pasta. Che poesia.

Ingredienti per 2 persone:

15 pomodori san marzano
400 gr patate
sedano, cipolla
peperoncino
1 cc curry
olio evo q.b.

Procedimento:

Porre sul fuoco una pentola colma di acqua, al primo bollore immergere i pomodori per un minuto. Questo ci consentirà di spellarli agevolmente per poi frullarli. Tagliare sedano e cipolla e porli in una casseruola con poco olio e il peperoncino, lasciandoli soffriggere. Nel frattempo tagliare la patata a cubetti e buttarla pochi minuti nell’acqua ancora calda dei pomodori, scolarla e aggiungerla al soffritto. Girate e salate, quindi coprite cuocendo a fuoco medio prestando attenzione che non si attacchi. Dopo cinque minuti versare la passata di pomodoro e coprire. Non ci vorrà molto perché la patata diventi morbida, a quel punto aggiungere il curry, spegnere il fuoco e lasciare un attimo la pentola coperta. Impiattate irrorando la zuppa di olio. I più viziosi possono porre una frisa nel piatto prima di versare la zuppa .

 

Commenta usando Facebook

commenti al momento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *